unknown
Christiaan Huygens

Salve amici. Ho sempre ritenuto che le scienze fossero, primariamente storia del pensiero umano e come tale da studiare sui classici così come si fa per tutte le altre discipline e arti umane. La semplificazione dei testi scientifici, che troviamo spesso sui libri del settore, ne nasconde la bellezza e ne estrapola il contesto storico-scientifico, staccandola dal flusso di pensiero che l’ha generata e rendendola spesso arida. In questa sezione, da oggi, ci occuperemo di tradurre dall’inglese i testi sacri della scienza offrendo un utile strumento agli addetti ai lavori di approfondimento e ricerca. Iniziamo la nostra avventura dal primo trattato scientifico sulla probabilità, datato 1657, scritto dal matematico Christiaan Huygens. Buona lettura.

IL VALORE DELLE PROBABILITÀ

Sebbene nei giochi basati interamente sulla fortuna, il successo sia sempre incerto, è altrettanto vero che esso può essere determinato allo stesso tempo, come maggiore probabilità di vincere rispetto a quella di perdere. Se per esempio si volesse giocare sull’uscita del numero sei al primo lancio di un dado, sarebbe incerta la vincita o la perdita, ma la maggiore probabilità che si perda rispetto a quella che si vinca è facilmente determinabile e facilmente calcolabile. Così Allo stesso modo se io mi mettessi d’accordo con un altro a giocare per primo ai Tre Giochi (n.b. per tre giochi si intende il famoso gioco del tris) per una certa somma, ed io ho fatto il mio tris,  è ancora incerto che chi scelga per primo vincerà il suo gioco, ma il valore della mia aspettativa di vittoria e la sua, allo stesso modo, possono essere esattamente scoperte; e conseguentemente determinate. Se noi ci mettessimo d’accordo di porre fine alla scommessa, lasciando l’ultimo gioco non finito, quale parte della posta andrebbe a me e quanta parte all’altro; o se un altro desiderasse acquistare il mio posto e le mie probabilità di vittoria, quanto dovrei vendere la mia quota. E da ciò un infinito numero di domande possono sorgere tra due, tre, quattro, o più giocatori: la risposta delle quali non essendo né ordinaria né di poco conto io qui darò in poche parole, mostrando il metodo per farlo; e quindi allo stesso modo esporrò particolarmente le probabilità che appartengono al gioco dei dadi.

Three-game.gif
Il gioco del tris: chi parte per primo ha più probabilità di vincere
0 pensiero su “I GRANDI CLASSICI DELLA SCIENZA: LIBELLUS DE RATIOCINIIS IN LUDO ALEAE”
  1. Bel lavoro di traduzione: complimenti!
    Mi permetto di fare una domanda che esula dal contesto specifico di questo post, ma non avendo trovato altro modo di contattarla, approfitto di questo visto che comunque si tratta di un consiglio su un testo in inglese.
    Vorrei regalare a mio figlio (che ha 14 anni ma legge tranquillamente l’inglese) un libro che parli della “little ice age”: potrebbe consigliarmi qualche titolo?

      1. Grazie, non mancherò!
        Il libro è quello di Brian Fagan, giusto? Avevo trovato il titolo nella bibliografia di “L’ambientalista scettico” di Lomborg…

        Mio figlio è anche un appassionato di “disastri naturali”: la sezione sulla vulcanologia ospiterà anche dei post o rimarrà un link all’Ingv?
        Grazie ancora per la disponibilità.

        1. Presto il sito si arricchirà di una ricca biblioteca di ebook del settore chiamati annali dove troverete tutti gli annali meteorologici dal 1948 divi per mese.
          Partiremo entro Natale con ottobre. Per quanto riguarda gli altri disastri naturali ho una sorpresa ma ve la svelerò nel proseguo…

Rispondi