La nostra percezione, condizionata fortemente negli ultimi anni dai cambiamenti climatici, ci porta a pensare che la tredicesima estate più calda della storia delle rilevazioni, quella del 2020, sia stata in fin dei conti un’estate quasi normale. Non è così e lo vedremo lungo tutto questo articolo.

AGOSTO 2020 SOPRA LA MEDIA

Andamento delle anomalie termiche per le temperature minime nel mese di agosto. http://www.isac.cnr.it/climstor/climate_news.html

Il mese di agosto fa segnare, per le temperature minime una anomalia di +1,41°C il settimo valore più alto di sempre, lontanissimo dai +2,79°C del 2003 all’apice ancora oggi, delle estati più calde di sempre.

Andamento delle anomalie termiche per le temperature massime nel mese di agosto. http://www.isac.cnr.it/climstor/climate_news.html

L’ultimo mese estivo fa segnare una anomalia delle temperature massime di +1,31°C l’undicesimo valore più alto mai registrato, lontano anch’esso dal record del 2003 di +3,76°C.

Andamento delle anomalie termiche per le temperature medie nel mese di agosto. http://www.isac.cnr.it/climstor/climate_news.html

Infine le temperature medie che fanno registrare il settimo valore più alto mai registrato con una media di +1,37°C molto inferiore al record del 2003 con +3,27°C.

ESTATE COMPLESSIVAMENTE CALDA

Quindi, dicevamo, estate calda, anche molto calda, soprattutto in agosto che fa segnare il tredicesimo valore più alto di sempre. Va detto che la nostra percezione ci fa pensare ad una stagione tutto sommato “fresca” tutto ciò deriva certamente dal fatto che nella “top ten” delle estati più calde ben 5 si sono verificate negli ultimi dieci anni.

Evidente dalle immagini allegate come certamente l’estate 2020 sia stata più fresca al sud, soprattutto per le temperature minime e sulle regioni adriatiche, con invece anomalie calde diffuse sul Tirreno e regioni occidentali. Nello specifico per le minime abbiamo registrato una anomalia di +0,65°C, al decimo posto assoluto, il 2003 guida con +2,74°C. Per le temperature massime invece abbiamo registrato una media di +1,31°C all’undicesimo posto generale, lista guidata dal 2003 con +3,76°C. Infine il risultato globale termico fa registrare un dato complessivo di +0,57°C al tredicesimo posto assoluto, con il 2003 che guida a +3,10°C.

ANNO SOSTANZIALMENTE SICCITOSO

Alla fine dell’anno idrologico italiano, manca solo un mese alla sua conclusione, possiamo fare un primo bilancio. E’ stato un anno siccitoso il 2020 soprattutto al sud dove i mesi estivi non hanno fatto che aggravare il deficit annuale. Va in controtendenza, seppure lieve, il nord Italia con i mesi estivi che vanno sopra la media. Nel suo complesso il 2020 può considerarsi leggermente siccitoso.https://progettoscienze.com/blog/siccita-i-dati-confermano-un-2020-povero-di-piogge-in-italia/

Rispondi